Mentha piperita

La leggenda narra che la Menta prende il nome dalla ninfa Minthe o Myntha, amata da Plutone, che venne trasformata in pianta da Proserpina.

Descrizione

La Mentha piperita, è una pianta erbacea perenne, rustica con foglie aromatiche. Gli steli sono eretti e le radici rizomatose si espandono notevolmente nel suolo. Ha foglie opposte e semplici e nella maggior parte delle specie sono lanceolate e ricoperte di una leggera peluria di colore verde brillante. I fiori sono raccolti in spighe terminali, coniche, che fioriscono a partire dal basso verso l’alto. I singoli fiori, sono piccoli, di colore bianco, rosa o viola. La fioritura avviene in piena estate e prosegue fino all’autunno.
Facile da coltivare, la menta predilige le posizioni in pieno sole ma accetta anche la mezz’ombra, può resistere anche a basse temperature.
La menta è digestiva, stimolante delle funzioni gastriche, antisettico ed antispasmodico, tonificante, utile nei disturbi gastrointestinali, nella nausea e nel vomito, nei gas intestinali, nella tosse, nelle sindromi influenzali, nelle bronchiti, nella cefalea. Si usa nelle zuppe, nelle salse, nella carne, ideale per pietanze a base di agnello, per preparare liquori, sciroppi, caramelle. La menta è largamente usata per il suo gusto e per la capacità di rinfrescare l’alito.